Perché leggere ai bambini …piccolissimi: 6 motivi + 1

Stimolare i bambini alla lettura è fondamentale, anche se nel nostro paese non è una pratica così diffusa, eppure le potenzialità della lettura sullo sviluppo cognitivo dei più piccoli sono state già ampiamente dimostrate da psicologi, ricercatori ed educatori. Andiamo a vedere assieme perché. Creare situazioni piacevoli di interazione tra grandi e piccoli aiuta a migliorare la relazione e a creare basi solide per il domani. Infatti nell’esperienza condivisa della lettura e dell’ascolto, bambino e adulto entrano in sintonia reciproca attraverso mondi che prendono vita tra le pagine del libro. Questo crea complicità, fiducia e aiuta a rinsaldare il loro legame affettivo.

È intuitivo inoltre sostenere che sul piano linguistico, la lettura stimola lo sviluppo del linguaggio, arricchisce il vocabolario del bambino e ne migliora la qualità lessicale e sintattica. Abituare i bambini a portarsi sempre un libro con sé è una buona pratica che ha effetti positivi anche sulla capacità di comunicare e di relazionarsi con il mondo.

“Se stimolati fin da piccoli, i bambini sviluppano nel tempo abilità legati alle competenze sociali e relazionali.

Trasmettere ai bambini la curiosità per i libri e abituarli a leggere fin da piccoli e piccolissimi ha risvolti importanti anche per lo sviluppo della personalità dell’adulto che verrà, sul piano relazionale, emotivo, cognitivo, linguistico, sociale e culturale La lettura infatti amplia il vocabolario e migliora le capacità di comunicazione. I libri preparano i bambini ad affrontare la vita cioè ad acquisire competenze e strategie per affrontare la realtà e muoversi in essa con più disinvoltura. Il leggere libri inoltre stimola la fantasia e per questo chi legge di più è anche più creativo perchè sviluppa maggiormente l’immaginazione. Stimola la memoria, le capacità logiche e di astrazione. Di conseguenza i bambini che leggono generalmente vanno meglio a scuola perché hanno una migliore capacità di risolvere situazioni nuove. Spesso i libri con i loro racconti hanno anche una morale indiretta legata ai personaggi e alla storia e quindi mandano dei messaggi con dei valori che si tramandano di generazione in generazione e quindi racchiudono un patrimonio etico e culturale significativo. Ascoltare fiabe e racconti rilassa e crea effetti positivi sulla mente. Tanto è vero che spesso si accompagnano i bambini a letto con una fiaba. Leggere ai bambini permette loro di capire i propri sentimenti ed emozioni. Si tratta quindi di esplorare insieme gli stati d’ animo e le emozioni e dare loro un nome. In questo modo le emozioni fanno meno paura.

Leggere insieme è quindi un momento di grande intensità e complicità emotiva,è un’ occasione in cui trova spazio una comunicazione coinvolgente. L’ ascolto di fiabe e l’ identificazione con i vari personaggi aiutano il bambino a conoscersi e a riconoscersi e a dare significato alle proprie esperienze all’interno di un contesto relazionale. Più volte durante giornata i bambini ascoltano storie e sfogliano libri anche da soli, con e con gli altri bambini. In questo modo si crea l’ abitudine all’ascolto e aumentano i tempi d’ attenzione,rafforzando il legame tra chi legge e chi ascolta.

In sintesi leggere ai bambini porta 7 doni:

  1. stimola il linguaggio
  2. stimola la memoria
  3. stimola l’ immaginazione
  4. tramanda valori
  5. facilita la soluzione di problemi
  6. permette di vivere le emozioni in un contesto protetto

Ma soprattutto crea complicità e rafforza i legami d’ affetto.

Per cui non lasciamo andare a letto i nostri figli senza una fiaba e una nostra carezza.

Bibliografia minima:
“Logopedia in età evolutiva ” ed. Del Cerro
“Psicologia dell ‘età evolutiva “ed. Omega

* Photo by Picsea on Unsplash